Lettera di Italia Solare al neoministro Cingolani 🚧

23/02 @ 15:45 WebinarPM: Soluzioni Premium per Superbonus 110%💎
17 Febbraio 2021
Sovradimensiona il tuo impianto con REACT2 di FIMER⚡⚡
1 Marzo 2021
Show all

Lettera di Italia Solare al neoministro Cingolani 🚧

Italia Solare, in una lettera inviata al nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, individua le priorità per il settore fotovoltaico e per l’avvio della transizione energetica.

L’associazione illustra ministro Cingolani i sette punti cardine per la transizione energetica. Nel primo punto viene chiesto di promuovere leggi che consentano alle energie rinnovabili di esprimere tutto il loro potenziale, in particolare semplificare gli iter autorizzativi, permettere agli impianti da fonti pulite di partecipare appieno al mercato dei servizi dell’energia e togliere i sussidi alle fonti fossili.

L’associazione chiede inoltre di rivedere il DM FER1 dedicato agli impianti fotovoltaici su tetti e terreni industriali semplificando le procedure, prorogando la durata, aumentando il corrispettivo per la sostituzione delle coperture in amianto e prevedendo aiuti per l’installazione degli accumuli sugli impianti nuovi e su quelli esistenti, modificare il Superbonus 110%, anche per ridurre i costi per la collettività, prorogando la durata, almeno fino al 2024 e riducendo progressivamente la percentuale, anche in funzione del reddito, a partire dal 2023, e rivedere il Pnrr alla luce del fatto che grandi impianti su terreni agricoli non hanno bisogno di incentivi ma solo di regole certe e accesso al mercato dell’energia.

Italia Solare chiede inoltre un maggior supporto agli accumuli elettrochimici, all’idrogeno verde e alla mobilità elettrica, e di favorire la realizzazione di tutti i sistemi di autoconsumo, anche collettivo, da fonti rinnovabili nelle comunità energetiche, prevedendo il graduale superamento dello scambio sul posto e favorendo la diffusione dei sistemi di accumulo.

Continua a leggere su Solare B2B