Il futuro del fotovoltaico di piccola e media taglia risiede nei micro inverter

Open Day Attività Internazionali 2014
16 dicembre 2013
Calendario Corsi Troubleshooting
19 dicembre 2013

Il futuro del fotovoltaico di piccola e media taglia risiede nei micro inverter

Gli inverter sono un elemento fondamentale della tecnologia fotovoltaica, perché in grado di convertire la corrente continua generata dalle celle solari in corrente alternata pronta per essere immessa in rete. Tradizionalmente i pannelli fotovoltaici sono collegati in serie attraverso un inverter di stringa di grandi dimensioni che converte la corrente continua (CC) generata dai pannelli fotovoltaici in corrente alternata (CA) per la connessione alla rete, quella cioè a 220 V normalmente utilizzata nelle abitazioni. A differenza degli inverter centrali i microinverter sono fissati a ciascun modulo (alcuni micro inverter sono collegati a un modulo singolo, altri a due moduli) e operano la conversione della corrente, da continua in alternata, direttamente sul modulo solare e non vi è rischio di formazione di archi elettrici. L’energia prodotta da ogni combinazione di modulo e micro-inverter agisce quindi come un generatore di energia CA a 220V autonomo ed indipendente dal resto del sistema. I micro-inverter presentano specifici vantaggi rispetto agli inverter di stringa. Permettono di controllare singolarmente l’uscita dei pannelli e offrono la funzione di inseguimento del punto di massima potenza (MPPT) per ogni singolo modulo minimizzando le perdite di efficienza in ogni tipo di condizione. Inoltre garantisce una semplicità di progettazione e installazione. In caso di guasti è possibile individuare il modulo coinvolto e ripararlo, senza che si debba intervenire su tutto il sistema. Nel caso dei sistemi con inverter tradizionali con pannelli solari connessi in serie, quando un qualunque modulo è in ombra, l'”effetto domino” riduce le prestazioni dell’intero sistema solare. Nel caso dei microinverter i problemi sono se mai limitati al solo modulo in ombra. I vantaggi di un impianto con Micro Inverter: Maggiore produzione di energia fino ad un 20% (1 MPPT ogni 2 pannelli). Eliminazione effetto domino. Eliminazione cavi in C.C. ad alta tensione. Maggiore sicurezza grazie alle basse tensioni in gioco. Eliminazione di quadro di campo in C.C. Abbattimento dei costi di progettazione e installazione dell’impianto Rendimento del 95% costante al variare della temperatura fino a 85°C. Monitoraggio dettagliato e continuo per ogni modulo. Supervisione disponibile da remoto e da tablet, smartphone. Anche la tecnologia microinverter non è immune da critiche, e , per esempio, una riguarda l’affidabilità stimata di questi dispositivi. I componenti necessari per realizzare un impianto basato su microinverter sono infatti molti di più di quelli necessari usando un singolo inverter e quindi, statisticamente, aumentano anche le probabilità che uno di questi si guasti. A questo va aggiunto che i microinverter sono più soggetti a temperature elevate, visto che sono collocati in prossimità dei pannelli, al contrario degli inverter tradizionali che possono essere collocati in ambienti più riparati. Di aiuto su questo punto, più che dati come un MBTF elevato, parametro che deve essere interpretato correttamente, può essere un periodo di garanzia del produttore particolarmente lungo. A questo va aggiunto che, in caso di guasto, è più scomodo accedere ai microinverter dato che sono collocati in prossimità dei pannelli. Un’altra critica a questo proposito deriva dal fatto che i microinverter, visto che sono quasi sempre completamente sigillati nella resina per resistere meglio agli agenti atmosferici, non sono riparabili, al contrario degli inverter tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buy now